Indietro

ⓘ Cafarnao - Caos e miracoli. Zain El Hajj, un dodicenne cresciuto in un quartiere povero di Beirut, sta scontando una pena detentiva di cinque anni nel carcere d ..



Cafarnao - Caos e miracoli
                                     

ⓘ Cafarnao - Caos e miracoli

Zain El Hajj, un dodicenne cresciuto in un quartiere povero di Beirut, sta scontando una pena detentiva di cinque anni nel carcere di Roumieh per aver pugnalato qualcuno a cui si riferisce come "figlio di puttana". I suoi genitori, come Zain stesso, non conoscono la sua età in quanto non hanno mai ricevuto un certificato ufficiale. Il ragazzino ha avviato una causa legale contro di loro per averlo messo al mondo, condannandolo così a una vita miserabile. Nel frattempo, le autorità libanesi processano un gruppo di lavoratrici migranti illegali, tra cui una giovane donna etiope di nome Rahil.

Il processo è loccasione per ripercorrere la storia di Zain, diversi mesi prima di essere arrestato.

Durante il giorno, Zain utilizza ricette mediche contraffatte per acquistare del tramadolo da più farmacie. Insieme a sua sorella Sahar riduce le pillole in polvere, immergendola poi nei vestiti che vengono venduti ai tossicodipendenti. Lavora anche come fattorino per Assadd, proprietario dellappartamento dove vive e gestore di un negozio di alimentari. Una mattina, Zain scopre che Sahar ha avuto il menarca e laiuta a nascondere le prove, credendo che verrà data in sposa ad Assadd se i suoi genitori dovessero scoprirlo.

Zain fa progetti per fuggire con Sahar e iniziare una nuova vita. Tuttavia, dopo aver assistito al consenso della sua famiglia al matrimonio, furioso, scappa di casa e prende un autobus, dove fa la conoscenza di un uomo anziano vestito con un costume da Spider-Man che si fa chiamare "Luomo scarafaggio". Questultimo sceso dallautobus si dirige a un parco di divertimenti e Zain lo segue, trascorrendo il resto della giornata al parco. Zain fa poi la conoscenza di Rahil, uninserviente che lavora nel parco. La donna, che prova pietà dalla situazione in cui si trova Zain, accetta di lasciare che lui viva nella sua baracca in cambio di fare da babysitter al figlio, Yonas, quando è al lavoro.

I documenti didentità falsi di Rahil stanno per scadere, e non ha abbastanza soldi per pagare il suo falsario Aspro per averne dei nuovi. Aspro cosi offre di falsificare gratuitamente i documenti se lei gli dà in cambio Yonas in modo che possa essere adottato. Rahil si rifiuta, nonostante gli avvertimenti di Aspro secondo cui lo stato non documentato di Yonas significherà che non potrà mai ricevere unistruzione o essere identificato. I documenti scadono e Rahil viene arrestata dalle autorità libanesi. Diverse ore dopo, Zain va nel panico non vedendola tornare. Passano diversi giorni e arreso pensa che Rahil abbia abbandonato suo figlio, cosi come i suoi genitori hanno abbandonato Sahar. Inizia cosi a prendersi cura del bambino da solo, sostenendo di essere suo fratello, e inizia a vendere di nuovo il tramadol per guadagnare denaro.

Un giorno, mentre si trova al sud della città intento a vendere delle pentole, Zain incontra una ragazzina di nome Maysoun, una rifugiata siriana che gli dice che Aspro le dà la possibilità di fuggire in Svezia. Zain chiede anchegli ad Aspro la possibilità di fuggire in Svezia. Luomo acconsente solo se gli consegnerà Yonas. Zain accetta con riluttanza, e Aspro gli dice che avrà bisogno di una qualche forma di identificazione per diventare un rifugiato. Ritornato a casa dai suoi genitori, Zain chiede loro il suo documento didentità, ma loro per tutta risposta gli dicono che lui non ha mai avuto un documento. Dopo averlo rinnegato per essere scappato, lo cacciano fuori di casa, ma non prima di rivelargli che Sahar è morta per un aborto spontaneo. Furioso, Zain prende un coltello e corre a pugnalare Assadd. In seguito viene arrestato e trasferito nel carcere di Roumieh.

In prigione, Zain scopre che sua madre è nuovamente incinta e pensa di chiamare il nascituro Sahar. Disgustato dalla mancanza di rimorso per la morte della figlia, contatta i media dicendo di essere stanco dei genitori che trascurano i loro figli e progetta di citare in giudizio i suoi per continuare ad avere figli pur non avendo la capacità di prendersene cura. Zain inoltre sostiene che Aspro sta adottando bambini illegalmente e li maltratta. Le autorità fanno cosi irruzione in casa di Aspro e riportano i bambini, compreso Yonas, dai loro genitori.

Zain riesce ad avere finalmente una foto per la sua carta didentità. Sebbene allinizio lo trovi difficile, alla fine riesce a sorridere e il film finisce proprio con la sua immagine sorridente.

                                     

1. Produzione

Il film è stato prodotto con un budget di $ 4 milioni. Il produttore Khaled Mouzanar ha stipulato unipoteca sulla sua casa per aumentare il budget. Zain Al Rafeea, lattore protagonista, era un vero rifugiato siriano che viveva nei bassifondi di Beirut dal 2012. Aveva 12 anni durante la produzione del film. Il protagonista, Zain, prende il nome proprio da lui. Molti degli altri attori erano stati presi dalla strada della città, tanto che la regista Labaki li ha descritti come necessari, perché voleva "una vera lotta su quel grande schermo". Zain Al Rafeea ha contribuito a modellare il dialogo del film, attingendo alle sue esperienze di rifugiato proveniente da una baraccopoli.

Sebbene Labaki sia anche essa unattrice, si è data solo un piccolo ruolo, preferendo che gli attori fossero più realistici e che attingessero dalle proprie esperienze di vita. Le riprese sono durate sei mesi nella città di Beirut.

                                     

2. Distribuzione

Il film è stato presentato in concorso al Festival di Cannes il 17 maggio 2018, per poi essere distribuito nelle sale libanesi il 20 settembre 2018. In Italia è stato distribuito l11 aprile 2019.

                                     

3.1. Accoglienza Risposta critica

Il film di Nadine Labaki, ha accumulato titoli e riconoscimenti allinterno della regione e oltre e, di recente, è stato inserito nella lista di The Guardian dei "100 migliori film del 21 ° secolo".

Grazie al grande successo del film, Nadine Labaki è la prima donna araba ad essere stata candidata a un Golden Globe. Nadine Labaki si stava già godendo la meritata fama dattrice, prima di passare dietro la macchina da presa e, con sole due regie, diventare rapidamente la più famosa autrice del mondo arabo". Fabio Secchi Frau.

Ben quindici i minuti di standing ovation al Festival di Cannes, che le ha conferito anche i Premi della Giuria e della Giuria Ecumenica. Una platea visibilmente toccata dalla storia di un bambino invisibile, che rappresenta unintera generazione di nuovi bimbi sperduti. Senza istruzione, senza prospettive. Le Nazioni Unite lo hanno definito "ispiratore". Oprah Winfrey lha lodato e raccomandato ai suoi followers su Twitter. Il Ministro degli Esteri libanese, Gebran Bassil, ha dichiarato che Cafarnao si è fatto portatore di un "tocco" che è vera poesia nellindustria cinematografica internazionale fonte mymovies.

Cafarnao ha una valutazione di approvazione del 90% sulla base delle recensioni di 164 critici su Rotten Tomatoes con una valutazione media di 7.89 / 10. Il consenso dei critici del sito web recita: Cafarnao colpisce duramente, ma premia gli spettatori con un quadro intelligente, compassionevole e alla fine commovente delle vite in bilico". Su Metacritic, il film ha un punteggio medio ponderato di 75 su 100 sulla base delle recensioni di 33 critici, che indicano "recensioni generalmente favorevoli".

Molte recensioni sono state molto positive. AO Scott del New York Times lo ha classificato come il nono film più grande del 2018, scrivendo "il naturalismo incontra il melodramma in questa storia straziante e frenetica delle avventure di un ragazzo perduto nelle baraccopoli di Beirut".



                                     

3.2. Accoglienza Box office

Il film ha incassato ben 68.583.867 $ in tutto il mondo, contro un budget di produzione di $ 4 milioni. È diventato il film arabo con il maggior incasso e il film mediorientale con il maggior incasso di tutti i tempi.

                                     

4. Riconoscimenti

  • 2019 - Premio Oscar
  • Candidatura per miglior film straniero
  • 2019 - Golden Globe
  • Candidatura per il miglior film straniero
  • Candidatura per il miglior film straniero
  • 2019 - British Academy of Film and Television Arts
  • Premio della giuria
  • 2018 - Festival di Cannes
  • In competizione per la Palma doro
  • Premio della giuria ecumenica
  • Candidatura per il miglior film indipendente internazionale
  • 2018 - British Independent Film Awards
  • 2019 - Premio César
  • Candidatura per il miglior film straniero

Anche gli utenti hanno cercato:

cafarnao - caos e miracoli, famiglie libanesi. cafarnao - caos e miracoli,

...

Dizionario

Traduzione
Free and no ads
no need to download or install

Pino - logical board game which is based on tactics and strategy. In general this is a remix of chess, checkers and corners. The game develops imagination, concentration, teaches how to solve tasks, plan their own actions and of course to think logically. It does not matter how much pieces you have, the main thing is how they are placement!

online intellectual game →