Indietro

ⓘ Vicariato apostolico di Aleppo. Il vicariato apostolico di Aleppo è una sede della Chiesa cattolica in Siria immediatamente soggetta alla Santa Sede. Nel 2017 c ..



Vicariato apostolico di Aleppo
                                     

ⓘ Vicariato apostolico di Aleppo

Il vicariato apostolico di Aleppo è una sede della Chiesa cattolica in Siria immediatamente soggetta alla Santa Sede. Nel 2017 contava 12.800 battezzati. È retta dal vescovo Georges Abou Khazen, O.F.M.

                                     

1. Territorio

Il vicariato apostolico estende la sua giurisdizione sui fedeli cattolici di rito latino della Siria.

Sede del vicariato è la città di Aleppo, dove si trova la cattedrale del Bambin Gesù, inaugurata dal cardinale Leonardo Sandri il 15 gennaio 2011.

Il territorio è suddiviso in 10 parrocchie.

                                     

2. Storia

A partire dai primi decenni del XVII secolo alcuni ordini religiosi, in particolare i cappuccini, i carmelitani e i gesuiti, si stabilirono in Siria e ad Aleppo. Diverse furono le conversione al cattolicesimo di rito latino e questo determinò Propaganda Fide a fondare una diocesi ad Aleppo.

Un primo tentativo di erigere un vicariato apostolico avvenne nel 1645. Il 31 luglio 1645 fu nominato vescovo il francescano Giovanni Battista di Dovara, il quale però "conseguita che ebbe una tal dignità, non si curò altrimenti di andare alla sua residenza, nonostante i replicati eccitamenti che nebbe dalla S. Congregazione. Né da quel tempo in poi fu pensato a deputare un vescovo latino in quella città". Il vicariato così morì sul nascere: la giurisdizione sui latini ritornò al custode di Terra Santa, come lo era già in precedenza.

Il vicariato apostolico fu eretto una seconda volta il 27 giugno 1762; papa Clemente XIII nominò il lazarista francese Arnaud Bossu, che era stato vicario apostolico ad Algeri. Nel breve di nomina, Bossu riceve il titolo di vicario apostolico di Aleppo, con giurisdizione sugli Europei e sugli orientali di rito latino dei patriarcati di Antiochia e di Gerusalemme, comprensivo dei patriarcati Maronita e Armeno. Il vicario tuttavia non pose la sua residenza ad Aleppo, ma a Antoura in Libano, e non ricevette mai la consacrazione episcopale. Anche in questa occasione il vicariato ebbe vita breve a causa della soppressione dei Gesuiti nel 1773 e della rivoluzione francese che, tra le varie conseguenze, implicò la soppressione di tutti gli ordini religiosi non solo nella madrepatria, ma anche nelle terre di missione.

Dopo il congresso di Vienna, Propaganda Fide restaurò il vicariato apostolico nel 1817, col nome di vicariato apostolico di Siria, Egitto, Arabia e Cipro. Esso aveva giurisdizione su gran parte delle missioni cattoliche delle regioni centro-meridionali dellimpero ottomano, e precisamente: Siria, Libano, Cipro, Palestina, penisola Arabica, Egitto, Abissinia Etiopia ed Eritrea e Nubia Sudan. Comprendeva inoltre la parte centro-meridionale dellAnatolia, comprensiva delle città di Antiochia Antakya e Alessandretta Iskenderun.

Nel 1839 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dellerezione del vicariato apostolico di Egitto e Arabia oggi vicariato apostolico di Alessandria dEgitto e della prefettura apostolica di Abissinia oggi arcieparchia di Addis Abeba di rito etiope, e contestualmente assunse il nome di vicariato apostolico di Aleppo.

Il 4 ottobre 1847 cedette la Palestina, Cipro ed i territori corrispondenti allattuale Giordania per il ripristino del patriarcato di Gerusalemme dei Latini.

Con la fine dellimpero ottomano, la nascita dellodierna Turchia 1923 e soprattutto con il passaggio dellHatay dalla Siria alla Turchia 1938, in forza delle bolle di papa Pio XII Ad maius christifidelium del 5 ottobre 1939 e Quo sacrorum del 9 dicembre 1939, il vicariato apostolico di Aleppo perse i territori turchi passati al vicariato apostolico di Istanbul.

Il 4 giugno 1953 cedette unaltra porzione di territorio a vantaggio dellerezione del vicariato apostolico di Beirut. Da questo momento il vicariato apostolico di Aleppo corrispondente geograficamente al territorio della sola repubblica araba di Siria. Solo a partire da questultima modifica territoriale, i vicari apostolici hanno residenza stabile ad Aleppo, preferendo in precedenza risiedere in Libano.

I vicari apostolici sono membri di diritto della Conferenza dei vescovi latini nelle regioni arabe.

                                     

3. Cronotassi dei vescovi

  • Giovanni Battista di Dovara, O.F.M. † 31 luglio 1645 - 1659 dimesso
  • Sede vacante
  • Sede vacante
  • Arnaud Bossu, C.M. † 17 giugno 1762 - 20 novembre 1765 dimesso
  • Francisco Villardel, O.F.M. † 8 marzo 1839 - 19 giugno 1852 deceduto
  • Paolo Brunoni † 4 luglio 1853 - 23 novembre 1858 nominato vicario apostolico di Costantinopoli
  • Giuseppe Angelo di Fazio, O.F.M.Cap. † 15 dicembre 1837 - 13 dicembre 1838 deceduto
  • Jean-Baptiste Auvergne † 29 marzo 1833 - 14 settembre 1836 deceduto
  • Aloisio Gandolfi, C.M. † 13 gennaio 1818 - 25 agosto 1825 deceduto
  • Giovanni Pietro Losana † 23 gennaio 1827 - 30 settembre 1833 nominato vescovo di Biella
  • Giuseppe Valerga † 1858 - 2 dicembre 1872 deceduto amministratore apostolico
  • Serafino Milani, O.F.M. † 23 gennaio 1874 - 21 dicembre 1874 nominato vescovo di Pontremoli vescovo eletto
  • Gaudenzio Bonfigli, O.F.M. † 18 agosto 1890 - 25 febbraio 1896 nominato vicario apostolico dellEgitto
  • Sede vacante
  • Bonaventure Akiki, O.F.M. † 28 giugno 1967 - 1º marzo 1973 amministratore apostolico
  • Frediano Giannini, O.F.M. † 20 gennaio 1905 - 12 febbraio 1936 dimesso
  • Pierre Gonzalès Charles Duval, O.P. † 25 febbraio 1896 - 31 luglio 1904 deceduto
  • Ludovico Piavi, O.F.M. † 13 novembre 1876 - 28 agosto 1889 nominato patriarca di Gerusalemme dei Latini
  • Armando Bortolaso, S.D.B. † 9 luglio 1992 - 21 novembre 2002 ritirato
  • Giuseppe Nazzaro, O.F.M. † 21 novembre 2002 - 15 aprile 2013 ritirato
  • Guerino Domenico Picchi, O.F.M. † 20 giugno 1980 - 9 luglio 1992 ritirato
  • Georges Abou Khazen, O.F.M., dal 4 novembre 2013
  • Bonaventure Akiki, O.F.M. † 1º marzo 1973 - 1979 ritirato

Dizionario

Traduzione
Free and no ads
no need to download or install

Pino - logical board game which is based on tactics and strategy. In general this is a remix of chess, checkers and corners. The game develops imagination, concentration, teaches how to solve tasks, plan their own actions and of course to think logically. It does not matter how much pieces you have, the main thing is how they are placement!

online intellectual game →